Storia - Il Sentiero Delle More | Interior Design Studio
1094
page-template-default,page,page-id-1094,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.5,menu-animation-line-through,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Storia

Le nostre origini.

Il Sentiero delle More  è stato fondato nel Maggio 2019 da Francesco Meneghello, designer italiano classe 1990.

Questa identità è nata dall’esigenza di evolvere la dimensione progettuale del designer, progredendo da una scala di prodotto a quella di interni.

 

Il nome Il Sentiero delle More è un ode all’infanzia del designer, di ciò che per lui significa la parola spazio, in senso ampio e trasversale, non solo inerente alla dimensione domestica, piuttosto ad una concezione svincolata e di vera appartenenza.

 

Il suo approccio verso il design degli interni prevede vivaci contaminazioni stilistiche e materiche, che sfociano in spazi dall’espressione unica e riconoscibile.

francesco-meneghello-portrait-interior-design-il-sentiero-delle-more

Nel 2010 inizia gli studi in Industrial Design allo IAAD di Torino, completando il percorso accademico con una tesi sperimentale sviluppata con Gessi e focalizzata sulla contaminazione tra un oggetto e il suo contesto. Nello stesso anno si muove a Copenhagen, dove inizia una collaborazione con Mikal Harrsen e lavora per MA/U Studio, uno dei maggior brand progressisti danesi, ora parte del gruppo Boffi.

 

Nel 2014 rientra in Italia per presentare Atelier12, il nuovo brand di lusso italiano per l’arredo bagno, lanciando la prima pluripremiata collezione Abisso. Nel 2016 fonda WE DON’T DESIGN, con l’obiettivo di proporre soluzioni alternative ed originali ad aziende italiane di varie dimensioni. Nel 2017 sposta lo studio a Milano, raggruppando un team di giovani designers di diverse nazionalità per espandere le collaborazioni all’estero.

 

E’ sensibile all’arte moderna e ispirato da qualsiasi cosa sia espressa in libertà. Affetto dalla sindrome di Peter Pan bilancia il suo approccio metodico e rigoroso con un’attitudine infantile e romantica, in grado di fornirgli idee innovative ed inaspettate. Il suo lavoro è stato premiato con diversi riconoscimenti internazionali.