Marmo o granito? - Il Sentiero Delle More | Interior Design Studio
854
post-template-default,single,single-post,postid-854,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.5,menu-animation-line-through,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Marmo o granito?

Che differenza c’è tra il marmo e il granito? Quali dei due è meglio utilizzare?

Il marmo è un miscuglio di numerose sostanze presenti nei fondali marini: conchiglie, fango, alghe e minerali. Questi elementi, fusi tra di loro hanno innescato una vera e propria metamorfosi, finendo per diventare un unico materiale compatto.

Proprio a causa di tutti questi protagonisti che lo compongono, il marmo è formato prevalentemente da carbonato di calcio. Motivo per cui l’anticalcare è assolutamente abolito per la sua pulizia, che invece richiede prodotti naturali e delicati.

Mentre il marmo nasce in mare, il granito nasce all’interno della crosta terrestre. È di origine vulcanica ed è composto prevalentemente da silicati. Ha una consistenza principalmente a granuli.

Per questi motivi il granito è molto più duro e resistente del marmo. Per la sua pulizia non richiede particolari attenzioni, inoltre è resistente anche a prodotti estremamente acidi e corrosivi, come limone o coca-cola.

L’unica cosa a cui occorre prestare attenzione è il contatto con tutto ciò che è oleoso, perché la presenza di granuli nel suo composto, lo porta a presentare molti spazi vuoti dove l’olio solitamente si deposita macchiando la superficie.

Sia i marmi che i graniti hanno un ampio spettro di colori, dai classici bianchi e neri fino ai blu, verdi, gialli e rossi.

Principalmente il marmo si riconosce ed è apprezzato per le sue tipiche lunghe vene che attraversano tutta la superficie e per l’eleganza che le stesse donano a questo materiale.

Il prezzo per un marmo o per un granito è definito principalmente dalla sua purezza estetica, dalla rarità e reperibilità dello stesso e dalla difficoltà di lavorazione.

Questi due materiali si utilizzano principalmente per pavimenti, rivestimenti, top cucine, componenti di mobili ed arredo bagno.

No Comments

Post a Comment